english version     chi siamo     privacy policy     disclaimer     e-mail     cerca              
CCM
Guadagnare salute
Il Progetto Cuore
ISS
Epidemiologia e prevenzione delle malattie cerebro e cardiovascolari

Scarica “cuore.exe

Icona CUORECuore.exe è un software per la valutazione del rischio cardiovascolare.
 

 

primo piano

Aspetti socio-economici e malattia cardiovascolare: possiamo fare qualcosa?
Si svolge a Roma, il 21 e il 22 settembre 2017, la V Conferenza  sulla prevenzione cardiovascolare. L’evento, che quest’anno è dedicato agli aspetti socio-economici che influenzano il rischio di malattia cardiovascolare, è organizzato dal Dipartimento Malattie cardiovascolari, dismetaboliche e dell'invecchiamento dell’Iss in collaborazione con l’Anmco (Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri) e la Fondazione “per il Tuo cuore” – HCF Onlus. Per approfondire consulta il programma della Conferenza (pdf 332 kb).

Progetto europeo BRIDGE Health: meeting conclusivo sui registri di popolazione, Working Package 8 – Task 1
Si svolge a Roma, il 14 settembre 2017, l’incontro finale sul Work Package 8 - Platform for population-based registries – Task 1, la parte del progetto europeo BRIDGE Health dedicata ai registri di popolazione con l’obiettivo di raccogliere, armonizzare e diffondere procedure, metodi e le migliori pratiche per implementare registri di popolazione come piattaforma comune per la fornitura di indicatori di salute sulla occorrenza della malattia nella popolazione. L’evento sarà occasione per dialogare con esperti del settore e creare sinergie con i partener del progetto impegnati nel campo della salute pubblica. Per maggiori informazioni scarica il programma (pdf 228 kb).

Giornata mondiale del Cuore 2017
Ogni anno le malattie cardiovascolari sono responsabili di 17,5 milioni di morti premature. Numero destinato a salire a 23 milioni entro il 2030. Tuttavia – sottolinea la World Heart Federation – queste patologie sono prevenibili adottando ogni giorno piccole scelte di salute (come smettere di fumare, fare esercizio fisico, mangiare e bere in modo sano). Il World Heart Day 2017, previsto per il prossimo 29 settembre, è dedicato all’informazione sui rischi legati alle malattie cardiovascolari e alla promozione e l’adozione di stili di vita salutari. Per approfondire consulta il sito del World Heart Day.

Alleanza italiana per le malattie cardio-cerebrovascolari
Fermare la diffusione “epidemica” delle malattie cardiovascolari: è questo lo scopo dell’Alleanza italiana per le malattie cardio-cerebrovascolari. Per approfondire leggi il commento di Simona Giampaoli (dipartimento Malattie cardiovascolari dismetaboliche e dell’invecchiamento - Iss).

Mantenersi in buona salute? Basta poco, parola del signor B
Il signor B è il protagonista dei libri illustrati, frutto della collaborazione tra Jeremiah Stamler (esperto mondiale di prevenzione) e il progetto Cuore dell’Iss, che spiegano in modo semplice e chiaro come rimanere sani e attivi, anche “a una certa età”.


La salute cardiovascolare degli italiani:
l’Atlante italiano delle malattie cardiovascolari
Una fotografia dello stato di salute cardiovascolare degli italiani a cui si aggiungono per la prima volta i dati sulla salute dei migranti: è il quadro che emerge dal terzo Atlante italiano delle malattie cardiovascolari, presentato al convegno Anmco il 29 maggio 2014. Il rapporto, che mette a confronto i risultati delle due indagini svolte nell’ambito dell’Osservatorio epidemiologico cardiovascolare a dieci anni di distanza l’una dall’altra (1998-2002 e 2008-2012), documenta per la prima volta anche le abitudini alimentari e la prevalenza della combinazione di più stili di vita sani. Consulta i dati sui fattori di rischio – per gruppi di popolazione (popolazione generale, anziani, donne in menopausa, migranti) e per macroaree (Nord, Centro, Sud e Isole) – e i dati sulla prevalenza delle malattie cardiovascolari.

Programma EuroMed

Il Progetto sulla sorveglianza delle malattie cardiovascolari

Implementare il Registro di popolazione dell’infarto acuto del miocardio in Paesi dell’area mediterranea, utilizzando procedure e metodologie standardizzate raccomandate dall’Eurociss.

Eurociss

Il progetto Eurociss (European Cardiovascular Indicators Surveillance Set) ha l’obiettivo di individuare indicatori per monitorare le malattie cardiovascolari e fornire raccomandazioni per valutarne la distribuzione in Europa. Leggi la descrizione del progetto e dei risultati ottenuti e scarica il rapporto.

in questo sito 

In questo sito i risultati del Progetto Cuore: carte di rischio cardiovascolare e punteggio individuale, i dati inviati tramite cuore.exe, la distribuzione dei fattori di rischio e delle malattie cardiovascolari nella popolazione adulta, raccolti nell’ambito dell’Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare/Health Examination Survey.

bridge

Costruire le basi per realizzare un sistema informativo completo, integrato e sostenibile, sulla salute della popolazione europea che diventi riferimento per le politiche sanitarie e la ricerca in Europa. È questo l’obiettivo del progetto Bridge Health, a cui il nostro Paese partecipa, attraverso un gruppo di esperti, con la realizzazione di una piattaforma per i registri di popolazione, identificando procedure comuni e criteri di armonizzazione per la raccolta, la validazione e l’elaborazione dei dati. Inoltre, l’Italia ha anche avviato il progetto Ccm “Creazione e sviluppo del network italiano a supporto del progetto europeo Bridge-Health” finalizzato a dare strutturazione e sostenibilità alle attività europee nel campo della health information. Per approfondire consulta la pagina dedicata ai progetti e il sito ufficiale di Bridge Health. Per i membri dei progetti è disponibile anche una web community ad accesso riservato.

 

 

European Health Examination Survey

Logo EhesRaccogliere dati per esaminare campioni di popolazione adulta e valutarne lo stato di salute: questo è l'obiettivo principale dello studio pilota europeo Ehes (European Health Examination Survey). Nei 13 Paesi partecipanti, l’indagine si basa su un campione di 200 adulti per ogni Stato.
Le persone reclutate vengono sottoposte a un questionario, a misurazioni fisiche (peso, altezza, circonferenza della vita, pressione) e a un esame del sangue. L’Italia partecipa attivamente con l’Istituto superiore di sanità. I dati raccolti attraverso le indagini di popolazione nazionali forniranno informazioni confrontabili sui maggiori fattori di rischio e sulla prevalenza delle malattie croniche e potranno essere usati nella pianificazione di politiche sanitarie e di azioni di prevenzione e promozione della salute.

© - Istituto Superiore di Sanità