home page  
   english version  
   chi siamo 
   privacy policy  
   disclaimer  
   e-mail  
   cerca  
            
CCM
Guadagnare salute
Il Progetto Cuore
ISS
Epidemiologia e prevenzione delle malattie cerebro e cardiovascolari

Icona CUORE Scarica "cuore.exe"

Cuore.exe è un software per la valutazione del rischio cardiovascolare.
 

 

bridge

valutazione del rischio

Valutazione del rischio globale assoluto

Il rischio cardiovascolare globale assoluto è un indicatore che permette di valutare la probabilità di ammalare di un evento cardiovascolare maggiore conoscendo il livello di alcuni fattori di rischio. E’ stata infatti abbandonata l’idea di identificare le persone a rischio sulla base dei fattori considerati singolarmente, ma viene presa in considerazione la loro valutazione globale. Per questo, il rischio globale assoluto non è la semplice somma del rischio dovuto ai singoli fattori.

L’uso del rischio globale assoluto rispetta l’eziologia multifattoriale della malattia cardiovascolare: il suo valore viene stimato per ogni individuo a partire dai principali fattori di rischio presenti. Inoltre offre opzioni multiple al trattamento delle persone con rischio aumentato: la modificazione di ciascuno dei singoli fattori può infatti influenzare in maniera chiaramente prevedibile il rischio assoluto. Questa possibilità facilita il rispetto delle preferenze della persona, considerando che la gran parte delle condizioni di rischio cardiovascolare identificate, come l’ipertensione arteriosa e l’ipercolesterolemia, sono asintomatiche.

Per valutare il rischio globale assoluto si utilizzano funzioni matematiche che elaborano dati derivanti da studi longitudinali, condotti su gruppi di popolazione seguiti nel tempo. La validità di uso di queste funzioni di rischio dipende dalle caratteristiche della popolazione che le ha generate e degli individui a cui vengono applicate.
Le funzioni di rischio, infatti, includono tre elementi:

  • valori di popolazione dei fattori di rischio (ad esempio, la media dei valori di colesterolemia e di pressione arteriosa nella popolazione)
  • coefficienti di rischio (fattori moltiplicativi) che attribuiscono un peso eziologico a ogni singolo fattore
  • probabilità di sopravvivere senza la malattia da parte della popolazione stessa.

Tutte queste componenti cambiano da popolazione a popolazione, in particolare se si confrontano popolazioni che vivono culture molto diverse fra loro, ma anche nel confronto di coorti generazionali diverse. Ha rilevanza inoltre la numerosità delle coorti utilizzate per derivare le funzioni: più ampi sono i campioni, maggiore è il numero di eventi verificatisi e più stabili e affidabili sono le stime.

Da queste funzioni sono stati elaborati due strumenti di valutazione del rischio globale assoluto: le carte del rischio cardiovascolare e il punteggio individuale.

 

Le carte del rischio sono classi di rischio globale assoluto calcolate per categorie di fattori di rischio (età, sesso, diabete, fumo, pressione sistolica e colesterolemia totale).

 

Il punteggio individuale offre, invece, una valutazione più precisa, perché considera valori continui per alcuni fattori di rischio, cioè l’età, la colesterolemia totale, l’HDL e la pressione arteriosa sistolica; include, inoltre, nella stima la terapia anti-ipertensiva, considerando che il valore di pressione sistolica registrato non è naturale ma dovuto anche al trattamento specifico; la terapia anti-ipertensiva è anche un indicatore di ipertensione arteriosa di vecchia data.

 

Per questo motivo, la carta del rischio e il punteggio individuale possono dare risultati un po’ diversi.

 

Tabella 1. Confronto fra carta del rischio cardiovascolare e punteggio individuale

 

 CARTA

 PUNTEGGIO

Età

 40-69

 35-69

Fattori di rischio

Età, Pressione arteriosa sistolica, Colesterolemia totale, Fumo, Diabete

Età, Pressione arteriosa sistolica, Colesterolemia totale, Fumo, Diabete, HDL,  terapia anti-ipertensiva

Pressione arteriosa sistolica, Colesterolemia totale, HDL

 Categorico

 Continuo

 Rischio

Categorico

 Continuo

 

Stampa

Ultimo aggiornamento mercoledì 6 giugno 2007