home page  
   english version  
   chi siamo 
   privacy policy  
   disclaimer  
   e-mail  
   cerca  
            
CCM
Guadagnare salute
Il Progetto Cuore
ISS
Epidemiologia e prevenzione delle malattie cerebro e cardiovascolari

Icona CUORE Scarica "cuore.exe"

Cuore.exe è un software per la valutazione del rischio cardiovascolare.
 

 

bridge

il Progetto Cuore

Il Progetto Cuore – epidemiologia e prevenzione delle malattie ischemiche del cuore – coordinato dall’Istituto superiore di sanità, nasce nel 1998 grazie a una collaborazione tra quattro gruppi di ricerca diretti da medici con lo stesso background formativo (MONICA-Brianza – Prof. Marco Ferrario; MONICA-Friuli – Dott. Diego Vanuzzo; ATENA – Prof. Salvatore Panico; MATISS – Dott.ssa Simona Giampaoli) e grazie a un finanziamento del ministero della Salute, per realizzare tre obiettivi:

  • impiantare un registro di popolazione per il monitoraggio degli eventi cardiovascolari
  • realizzare un’indagine per valutare la distribuzione dei fattori di rischio, la prevalenza delle condizioni a rischio e delle malattie cardiovascolari nella popolazione adulta italiana
  • valutare il rischio cardiovascolare nella popolazione italiana e realizzare strumenti di valutazione del rischio di facile applicazione in salute pubblica.

Il primo obiettivo è stato in parte realizzato mediante l’attivazione del Registro nazionale degli eventi coronarici e cerebrovascolari; il secondo è stato conseguito attraverso la costituzione dell’Osservatorio epidemiologico cardiovascolare (Oec) che, a oggi, ha compreso due indagini sullo stato di salute della popolazione generale, effettuate a distanza di dieci anni l’una dall’altra (Oec 1998-2002 e Oec/Hes 2008-2012) e la realizzazione di una banca di campioni biologici; il terzo obiettivo è stato perseguito attraverso il follow up delle coorti degli studi longitudinali iniziati alla metà degli anni ’80, l’elaborazione delle funzioni di rischio cardiovascolare e la realizzazione della carta del rischio e del software di valutazione del punteggio di rischio.

 

La realizzazione di questi obiettivi ha prodotto negli anni risultati di grande rilievo per la prevenzione cardiovascolare, e alla fine del primo decennio, il progetto ha ampliato gli obiettivi aggiungendone altri tre:

  • realizzare un piano di formazione per i medici di medicina generale per la valutazione del rischio cardiovascolare nella popolazione italiana
  • spiegare il trend in discesa della mortalità per cardiopatia coronarica osservato negli ultimi decenni
  • aggiornare le carte del rischio cardiovascolare e il software di valutazione del punteggio di rischio individuale.

L’attività di formazione dei medici di medicina generale, avviata nel 2005, ha via via interessato tutte le Regioni e continua con l’adesione di un numero sempre maggiore di medici che partecipano alla raccolta dati sul rischio cardiovascolare nell’ambito dell’Osservatorio epidemiologico cardiovascolare. Tramite l’applicazione del modello Impact sono state identificate le cause della riduzione della mortalità per cardiopatia coronarica dal 1980 al 2000. L’aggiornamento degli strumenti di valutazione del rischio è in corso attraverso l’aggiornamento del follow up delle coorti degli studi longitudinali che comprendono anche i campioni delle due indagini Oec/Hes, seguiti nel tempo per mortalità e morbosità.

 

Dal 2005 il progetto Cuore partecipa anche alle attività del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie, Ministero della Salute, con i seguenti progetti:

  • Il Progetto Cuore - Epidemiologia e prevenzione delle malattie cardiovascolari
  • Buone pratiche sull’alimentazione: valutazione del contenuto di sodio, potassio e iodio nella dieta degli italiani
  • Piano di formazione per gli operatori delle stroke unit, per la prevenzione e la gestione integrata dell'ictus con i Mmg
  • Azioni relative alla riduzione del consumo di sale in Italia: verifica delle ricadute dell’accordo con i panificatori e programma “meno-sale-più-salute”
  • Coorti di popolazione adulta italiana seguite longitudinalmente per 20-30 anni: lo svantaggio socio-economico e gli esiti di salute
  • Creazione e sviluppo del network italiano a supporto del progetto europeo Bridge-Health.

A livello internazionale il progetto Cuore partecipa a:

  • “InfAct-Information for Action”, Joint Action europea finalizzata alla strutturazione di un sistema di informazione sanitaria sostenibile dell'UE, a supporto della conoscenza, della ricerca e delle politiche in ambito sanitario
  • “European Health Examination Survey (EHES)”, Joint Action tra paesi europei organizzatori di health examination survey nazionali, finalizzata ad assicurare la qualità e la comparabilità delle survey
  • “Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors Study (GBD)”, il progetto più ampio e completo per misurare le caratteristiche e i trend epidemiologici a livello mondiale
  • “NCD Risk Factor Collaboration (NCD-RisC)”, un network formato da ricercatori di 200 paesi che fornisce dati aggiornati sui fattori di rischio delle malattie croniche “Emerging Risk Factors Collaboration (ERFC)”, un consorzio che armonizza dati di più di 30 paesi per studiare i fattori di rischio e la mortalità causa-specifica delle malattie cardiovascolari
  • “BiomarCaRE (Biomarker for Cardiovascular Risk Assessment in Europe)”, progetto di ricerca multinazionale mirato alla valutazione dei biomarcatori nella predizione del rischio cardiovascolare nella popolazione europea
  • “European CKD Burden Consortium”, finalizzato allo studio epidemiologico della malattia renale cronica.

I dati del progetto Cuore vengono aggiornati periodicamente e messi a disposizione della comunità scientifica in questo sito web.

 

Stampa

Ultimo aggiornamento lunedì 5 novembre 2018